Ali, Kamar e il somarello

Ali, Kamar e il somarello

La vacanza comincia di fretta , come tutte le nostre ultime vacanze.

Tutto di corsa, tutto veloce…

La catena di montaggio o ciclo produttivo, per meglio dire, si sviluppa dal taglio dei panini, scelti con cura nelle scansie del supermercato, all’inserimento di affettato misto, confezionamento e packaging per concludere inserimento nella comoda borsa frigo.

In dodici minuti pronti 32 panini.

Il taxi aspetta e la truppa scende. Il taxista si chiede quando fossero arrivati gli armadi da caricare… con superbia rispondo che le valige sono state spedite con il corriere per viaggiare leggeri (6… tra borse e zaini), la verità è che ero un po’ preoccupata per la sorte delle mie valige.

Si parte per la stazione di Bologna, siamo tremendamente in anticipo… va bene! le vacanze iniziano qui. Cosa ci aspettiamo? Caldo, pappa, sole e riposo. Lasciamo a casa stress, dubbi e incertezze ma soprattutto la Magic, fonte inesauribile di pensieri.

Viaggio in taxi calmo e tranquillo, un po’ di attesa, quattro chiacchere e si sale.

Il capostazione ci indica il secondo scompartimento come il nostro, sale Elly, con zaino e schifezzuole per il viaggio, la segue Nadir con zaino, borsa e telecamera, poi Max con pc e borsa frigo ….e Iari con lo zaino dei libri ??? mi giro appena e lo vedo schiacciato tra la porta del treno e il treno. Con gesti scomposti apre e chiude la pesante porta senza riuscire a fare il passo che lo porterebbe sul treno, attimi di ilarità ovviamente, il capostazione non fa un movimento e Iari se l’è cava sa solo. Ma che ridere…

passato il momento della salita, c’e’ un nuovo intoppo La scaletta.

La scaletta dei treni a cuccetta, è molto grande, scomoda e praticamente inutile, tutto detto da nadir, quindi si decide di farla riposare a terra sotto la cuccetta piu’ bassa, ora nessuno ha considerato che iari deve/vuole salire al terzo piano… ci vorrebbe un video. Esprimere a parole la scenetta messa a disposizione dai giovani Selva è praticamente impossibile.

Dopo poco la quiete. tentiamo di vedere un film ma l’audio è troppo basso e il treno troppo rumoroso.

Ci sdraiamo per riposare un po’.

La notte passa veloce e a Caserta albeggia.

Impressionante Caserta, il treno si sposta all’interno di quartieri dove potresti toccare le terrazze e le persone che le abitano. Potresti raccogliere i panni stesi. Scendere al volo in casa direttamente. Toccante davvero.

Salerno è vicina e Pisciotta, Palinuro, il mare, le vacanze ancora di piu’.

Sono le sette e stiamo prendendo il caffe alla piccola stazione di Pisciotta.

Ci sono poche persone, molte macchine parcheggiate.

Siamo scesi dal treno dalla parte sbagliata e ne siamo scossi. L’attraversamento dei binari non è piaciuto a nessuno. Staremo piu’ attenti la prossima volta.

Un altro taxi arriva, puntuale. Ci porta in casetta.

Viviana ancora una volta superba. La casa è perfetta, mi butto sul letto alle nove arrivano le valige e i ragazzi in ufficio. Dormo un po’ questa notte è stata scomoda.

Alle 10.30 ripiombo dentro alla magic e in particolare in cst, telefonate, posta, soluzioni e risoluzioni. Un caos, malumore e di nuovo stress. Poi il tutto si è calmato, grazie ad una insuperabile Lolly.

Ora tutto è calmo e il cellulare tace.

Le valige arrivano alle 16.30

Possamo dedicarci a mangiare e sudare.. ma non troppo, il caldo non esagera …anzi l’e’ frad!

Sergio e la sua Taverna ospitale come sempre ci presenta buon pesce, ottime minestre, vino e un sorbetto da sballo.

Cozza …Risotto…ma chi lo chiede a Sergio se la gatta è incinta?

Giovedi

Sole e caldo, ma nessuna bruciatura, solo la caviglia di iari è un po’ striata, ma nulla di grave.

Ci aspetta Anima e core, si mangia bene e in santa pace

anche se i ricordi dell’anno passato non rendono tranquilla l’atmosfera.

Venerdi

Giornata silenziosa

il fruttarolo ci ha mollati. Un terribile cartello Nuova Gestione, ci aveva fatto sobbalzare, ci siamo comunque fermati, io, iari e max convinti che non potevano aver commercializzato quel locale, cosi’ famoso per la sua frutta fresca e el sue macedonie…e invece lo hanno fatto. Il menu offre gelati confezionati e cocktail di frutta della casa… una tristezza.

Di nuovo taverna a vedere i Cardellini, questa vacanza parrebbe all’insegna dei documentari. Abbiamo avvistato vipere, cardellini…e altro non so’

Sabato

La colazione presto e in spiaggia quando ancora non c’e’ nessuno.

Piu’ tardi troppa confusione

ancora anima e core, ma ci brucia lo stomaco, devo mangiare piu’ leggero

Abbiamo comprato bolli e spedito le cartoline. Siamo Mitici. Domani le compere

Un asino per strada ci accompagna per qualche metro. Carico come un somaro, lento come un somaro e cocciuto come Nadir.

Domenica – 11/06/2006

Caotica in spiaggia

Pomeriggio al pc

Max e Iari sono stati a camerota alto a cercare l’omino del legno d’ulivo… lo hanno trovato.

Piove.

Hanno trovato anche un locale, il Ceppo, siamo gli unici clienti, lasciamo un po’ di mancia su consiglio di nadir…il pesce non era gran che’, ma il servizio è stato ospitale, il proprietario cortese e servizievole, niente a che vedere con sergio.

Ho letto un libro davvero bello, l’ho finito in un giorno…non pensate che fosse un opuscolo, 170 pagine , quasi un mattone. Parla di una quarantenne che smette di fumare… molto molto bello e spunto per un nuovo libro, poi scrivero di chi e come si intitola.

Alcuni problemi intimi di iari, proseguono senza tregua…sbagliare è umano ma perseverare è diabolico e lui lo sa’. Quella maledetta retina, righina, tubettini, tubicini…. non ricordo piu’ cosa volevo dire.

E’ freddo.

Lunedi

Piove, molto forte. L’umore è basso , molta noia. Le previsioni del tempo ci rassicurano, bello il sito http://www.eurometeo.com , bello il tempo previsto per domani, meno male…

l’alternativa è girare all’impazzata sotto la pioggia. Chi lo tiene max….

Il telefonino è suonato due volte, la prima era il principino, la seconda la miglior commerciale che si possa avere. La magic torna con forza nei nostri pensieri.

L’ufficio delle entrate ha dato un controllotto ai nostri dipendenti. che bel momento. Super Lolly ha quasi venduto un sito alle ispettrici. non so’ dove l’ho trovata, nemmeno ricordo quando l’abbiamo assunta. La possiamo cmq definire in una parola.

“Unica”.

La mia felpa comincia ad odorare davvero di puzza, ci ho fatto il viaggio in treno, ci mangio, ci fumo, ci dormo, ci vado anche in spiaggia… insomma ora puzza e siamo solo a lunedi, come faccio a tollerare questo odore “trentino” fino alla fine della settimana.??

Ho i piedi gelati, ma sono troppo pigra per alzarmi.

In sottofondo gli Stadio…Amo solo te… sono fortunata penso e mi accendo una sigaretta, cosi’..per darmi un tono.

martedi

non è stata una gran giornata.

un paio di pugni nello stomaco, raffreddore e iari ustionato.

un vero peccato.

Il fascino di nadir ha colpito. Mozzarella è affondato. Innamorato cotto. Non la perde di vista, non la dimentichera facilmente

e’ caldo.

mercoledi

brutta giornata

silenziosa e ustionata.

Iari cammina a paperella, è rosso come un ramarro e lucido come un geko. Un incrocio mostruoso e animalesco.

Abbiamo conosciuto Kamar, i suoi braccialetti mi sono piaciuti molto. Pakistano silenzioso e paziente. un po’ caro come tutti quaggiu’!.

giovedi

chiarimenti e discussioni, giornata rapida e concentrata a non pensare che domani si parte.

E’ impossibile non pensarci, nessuno ne parla ma tutti sappiamo che è l’ultima sera.

Una bella gita, alla vecchia torre saracena di max e iari documentata da filmati e immagini ricchi di particolari degni di un documentario professionale della National Geographic.

Sono entrambi molto felici. Un successo. Io sono rimasta al pc… malata mentale.

Dobbiamo godecerla. Usciamo da soli. Anima e core. Un sogno

venerdi

Abbaimo conosciuto Ali, senegalese colorato. Lo abbiamo anche fotografato, uomo pittoresco , simpatico! Molto carico di materiale, cortese e con un accenno milanese che lo rende poco coerente al suo particolare aspetto.

Si parte, non c’e’ niente da fare…si parte.. e si deve partire per forza. Siamo tutti inebetiti e malinconici. Nessuno vuole partire. A dire la verità Iari ci confida che in fondo si tratta solo di una prima fase di vacanze per lui e potra’ proseguire ad estate ragazzi con i suoi amici… giusto , ha ragione… noi invece? proseguiamo verso un difficile esame di maturità e una lunga estate lavorativa.

E’ stato bellissima la cena, il taxi è puntuale, il treno pure, ci assale la stanchezza e ci addormentiamo, salutiamo salerno cosi. mi risveglio a Roma, c’e’ quasi luce. Fra poche ore siamo a casa.

Bologna è caotica e rumorosa, l’attraversiamo in venti minuti e siamo sottocasa, ci prepariamo velocemente e usciamo a comprare il regalo al nonno che compie gli anni e poi…la spesa, i dvd, la comet, il mercatone, è tutto rimasto fermo nello stesso posto. Bentornati.

Il pomeriggio al lavoro c’e’ che aspetta di tormentarti, siamo proprio tornati.

Anche se la noia a volte assale, la cosa che piu’ mi esalta delle vacanze è il poter permettersi di non pensare per forza a risolvere qualcosa.

con affetto alla mia famiglia come sempre di serie A

un bacio affettuoso a tutti

è stata una vacanza bellissima

mamy